La modulistica cartacea
Calendario venatorio 2014-2015
Accesso al sistema
Codice
(per i cacciatori è il codice fiscale)
Password
(per il primo accesso è il codice fiscale)
Caratteri nell'immagine
(inserisci i caratteri contenuti nell'immagine sottostante)
 
Ora del sistema
Allevamenti privati
di specie cacciabili
GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE
La nuova procedura di accesso al sistema, attivata per aumentare il livello di sicurezza, prevede la digitazione del codice, della password e di un codice aggiuntivo, generato in modo casuale dal sistema e visualizzato in modo "approssimativo" all'interno di una immagine.
L'utente, per accedere, deve leggere i caratteri presenti nell'immagine e digitarli nella casella di testo aggiunta. Nel caso che i caratteri alfanumerici contenuti nell'immagine fossero poco leggibili occorre richiedere al sistema la generazione un nuovo codice tramite il pulsante "Rigenera immagine".
12/02/2015 - ATC DI NAPOLI - AVVISO PUBBLICO
Ammissione all'Ambito Territoriale di Caccia di Napoli per la stagione venatoria 2015-2016
Si ricorda ai cacciatori e ai circoli venatori che prestano assistenza agli stessi che la domanda di ammissione all'ATC viene compilata in forma di dichiarazione sostitutiva resa ai sensi degli art. 46 e 47 del DPR n. 445/2000 e s.m.i., con conseguente responsabilità penale nel caso in cui quanto dichiarato risulti mendace.
Bisogna pertanto prestare particolare attenzione nella compilazione dei dati, soprattutto di quelli riconducibili alla presenza di un criterio di priorità.
Rilevato che, tra i criteri di priorità, particolare rilevanza assume quello f - "proprietà o conduzione, dimostrabile con scrittura registrata, di fondo rustico di estensione non inferiore a 4.000 mq che ricade nell'ATC scelto" - si raccomanda ai cacciatori di prestare particolare cura nella compilazione dei dati catastali, indicando la reale estensione dei fondi, di cui abbiano effettiva proprietà e conduzione.
Leggi l'avviso
03/02/2015 - REGIONE CAMPANIA - COMUNICATO STAMPA
Disciplina degli esami per la revisione dell'idoneità per agenti volontari di vigilanza venatoria
(art. 28,comma 14, L.R. 26/2012 e s.m.i.)
Si comunica che, l'Unità Operativa Dirigenziale Pesca, Acquacoltura e Caccia, con DD n. 23 del 28-01-2015 ha proceduto all'approvazione delle procedure per gli esami di revisione dell'idoneità per agenti volontari di vigilanza venatoria. La prova prevede che i candidati vengono sottoposti singolarmente, in unica seduta, alla verifica dell'doneità, a valere sulle materie e i contenuti del corso di aggiornamento per guardia volontaria venatoria (art. 28,comma 14, L.R. 26/2012 e s.m.i.) a cui hanno partecipato, comprendente due prove pratiche ed una prova orale finale, come riportato nell'allegato Decreto.
Leggi il Decreto
03/02/2015 - REGIONE CAMPANIA - COMUNICATO
Domanda di ammissione ad un ATC della Regione Campania
L'art. 36, comma 2, della L.R. 26/2012 e s.m.i., dispone che ogni cacciatore residente anagraficamente in Campania ha diritto all'accesso con residenza venatoria, per l'intera stagione di caccia, in uno degli ATC istituiti nella Regione.
La richiesta deve essere formulata all'Ufficio provinciale competente per l'ATC richiesto, dal I febbraio al 31 marzo di ciascun anno, indicando anche l'ordine di preferenza per ciascun altro ATC.
In assenza di domanda, la richiesta relativa all'anno precedente si intende confermata per l'anno in corso.
Leggi il comunicato
01/02/2015 - REGIONE CAMPANIA - AVVISO
Domande di ammissione agli ATC della Regione Campania
Sono attive le procedure per l'inserimento delle domande di ammissione agli ATC della Regione Campania per la stagione venatoria 2015-2016.
27/01/2015 - REGIONE CAMPANIA - AVVISO
Esame Guardie Volontarie Venatorie per revisione dopo 10 anni - Art. 28 L.R. 9 agosto 2012 n. 26 e s.m.i.
L'art. 28 della L.R. 9 agosto 2012 n. 26, come modificato dalla L.R. 6 settembre 2013 n. 12, dispone che tutti coloro che sono in possesso di provvedimenti attestanti il conseguimento della qualifica di guardia volontaria venatoria, rilasciata in data antecedente al 13/08/2002 per richiedere il rinnovo del decreto devono sottoporsi alla revisione dell'idoneità.
Le modalità sono specificate nella comunicazione allegata.
Leggi la comunicazione
23/01/2015 - REGIONE CAMPANIA - COMUNICATO STAMPA
Influenza aviaria ad alta patogenicità H5N8 - OM 8 aprile 2014 - Deroga divieto di utilizzo dei richiami vivi.
Il Ministero della Salute, a causa della mutata situazione epidemiologica verificatasi a seguito della conferma di positività a un virus influenzale in un allevamento di tacchini da carne nella provincia di Rovigo, ha adottato la sospensione della deroga al divieto di utilizzo di uccelli da richiamo appartenenti agli ordini degli Anseriformi e Caradriformi nell'attività venatoria.
Considerato che, qualsiasi contatto, anche indiretto, con la fauna selvatica appartenente agli ordini citati, può rappresentare un pericolo per gli allevamenti di pollame, in particolare per quelli situati in zone umide, si invitano gli Enti interessati, ad assicurare la più ampia diffusione delle note del Ministero della Salute.
   Il Dirigente della UOD
dott. Antonio Carotenuto
Leggi il comunicato stampa
14/01/2015 - REGIONE CAMPANIA - COMUNICATO STAMPA
CACCIA, INTESA PER LA CONSERVAZIONE DELLA LEPRE ITALICA IN CAMPANIA
NUGNES: PROTEGGIAMO NATURA E FAUNA TERRITORIO REGIONALE
Nugnes
E' stato firmato questa mattina, presso l'assessorato all'Agricoltura della Regione, il protocollo di intesa per lo sviluppo di misure per la conservazione della lepre italica in Campania.
L'accordo è stato stipulato tra la Regione Campania, l'Ente Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e l'Istituto per la gestione della fauna (Igf).
L'intesa attua il Piano nazionale d'azione per la conservazione della lepre italica elaborato dal Ministero dell'Ambiente. Si tratta di una specie endemica dell'Italia Centro Meridionale ed è stata riconosciuta solo nel 1998 come specie diversa e separata dalla lepre europea; è vulnerabile e a rischio estinzione sia per l'esiguità delle sue popolazioni sia per la riduzione del suo areale.
Per tale motivo, nel 2000, il Ministero dell'Ambiente ha elaborato un Piano nazionale di azione per la conservazione di questa specie che prevede, tra l'altro, accordi tra le pubbliche amministrazioni, il mondo della ricerca e gli operatori della conservazione della natura, affinché possano essere intraprese azioni sinergiche.
In Campania, l'unica area in cui è stata individuata la lepre italica si trova all'interno del Parco nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni.
Leggi il comunicato stampa
CampaniaCaccia - Regione Campania 2008-2015 - Tutti i diritti riservati Utenti in linea: 2 technical management of