Esci
LASCIARE INCUSTODITE LE ARMI LEGITTIMITA IL DINIEGO DI RILASCIO O LA REVOCA DELLA LICENZA
19/10/2020
Costituisce sintomo di non affidabilità del cacciatore il lasciare le armi incustodite
letta:
Lo ha ribadito il Tar sezione staccata Catania nella sentenza n. 2345/2020, ove ha respinto il ricorso proposto da un cacciatore nei confronti del provvedimento dell’Autorità di P.S. di divieto di detenzione armi e munizioni.
Nella specie il cacciatore di Catania, prima di raggiungere la zona di caccia, si era fermato presso il bar di una stazione di servizio lasciando i fucili incustoditi all’interno dell’auto.
A detta della Corte, la condotta di lasciare le armi incustodite costituisce a tutti gli effetti carenza dell’affidabilità necessaria per il rilascio e/o rinnovo della licenza in materia di armi e munizioni e di detenzione delle stesse.
Il ragionamento parte dal presupposto che il porto d’armi costituisca un’eccezione al normale divieto di detenere armi, e può divenire operante solo nei confronti di persone riguardo alle quali esista perfetta e completa sicurezza circa il buon uso delle stesse, la cd “affidabilità”. (TAR Lombardia, Milano, sez. 19/02/2019, n. 338).
Da ciò discende che il potere di revoca o di diniego della licenza di porto di arma non persegua finalità sanzionatorie, bensì solo cautelari, in quanto preordinate alla prevenzione di possibili abusi a tutela della privata e pubblica incolumità. Per il rilascio di tali provvedimenti negativi non sarà necessario un obiettivo ed accertato abuso, in quanto sarà sufficiente la sussistenza di circostanze idonee a comprovare la non affidabilità dell’interessato nell’uso delle armi, come appunto tale condotta.
 
Documenti allegati
Documento Descrizione Tipo KByte  
documento .pdf 138
Ritorna all'elenco degli articoli Note legali
CampaniaCaccia
Regione Campania 2008-2021 - Tutti i diritti riservati
Utenti in linea: Privacy Cookie policy
technical
management of